Windows Phone e Mango, i dubbi del giorno dopo

30 05 2011

Quanto avevamo da dire sull’annuncio di Mango, sulla strategia di Microsoft in ambito mobile e sui possibili scenari futuri l’abbiamo già detto. Ma il giorno dopo porta sempre alla luce altre considerazioni, qualche retroscena.

Sembra che dopo l’annuncio sia il tempo di tenere le bocche cucite e lavorare, forse perché davvero nessuno sa cosa debba essere in forma definitiva Mango. Come dire: sarà un Mango, anche polposo (Major Release, con 500 novità), ma non possiamo sapere già ora quali sfumature avrà la scorza o la forma esatta del frutto. E’ un paragone che tiene, perché invece i ‘pilastri’ sono quelli già annunciati e su questo nessuno ha dubbi.

Qualche dubbio arriva comunque.

1. Non ho capito bene il ruolo e che fine farà il software di sincronizzazione Zune o come diavolo si voglia chiamare. Rimane essenziale, come lo è iTunes, per dire, oppure scompare in nome della cloud? Quanto importante sarà per gli aggiornamenti? Tra i 500 miglioramenti quanti lo riguardano o quanti riguardano il telefono che dialoga con il software del desktop?

2. Dell sarà o no della partita? Pensavo non fosse stato citato solo in Italia, invece nessuno lo cita nemmeno durante l’annuncio di NY.

3. Si dice che Nokia uscirà con i primi modelli che avranno il numero di release Windows Phone 7.1. In Microsoft hanno spiegato che Nokia esce con Mango. Mango quindi sarà un Windows Phone 7.1 e non 7.5 come pensavo? Ma dove andrebbe a finire l’idea della Major Release?

4. E’ vero che l’aggiornamento di NoDo è stato rallentato in parte anche dagli operatori che dovevano verificare le configurazioni del caso? Accadrà allora lo stesso per Mango?

Qualcuno risponda🙂 Altrimenti che annuncio è, con tutti questi dubbi sempre più sostanziosi?

 

tratto da un post di Mario De Ascentiis


Azioni

Information




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: